MILANO ANNI '60: LA MOSTRA SUL DECENNIO D'ORO A PALAZZO MORANDO

di Giulia Di Piazza

Tempo di lettura: 3 minuti

DAL 5 NOVEMBRE AL 9 FEBBRAIO, PALAZZO MORANDO OSPITA LA MOSTRA “MILANO ANNI  ’60 – STORIA DI UN DECENNIO IRRIPETIBILE”.

L’esposizione, curata da Stefano Galli, racconta i diversi ambiti coinvolti nella ricostruzione morale e materiale della città meneghina alla fine della grande guerra. L’allestimento, attraverso le foto dell’epoca e le testimonianze che accompagnano il visitatore, restituisce l’atmosfera di un decennio di crescita esagerata.

Il Bar Jamaica © Archivio Garghetti

Il percorso espositivo è suddiviso in quattro sezioni: partendo dal boom economico, iniziato già alla fine degli anni ’50 e culminato con la costruzione della prima linea della Metropolitana Milanese, si passa alla nascita del design industriale e al rifiorire del fermento artistico ed intellettuale, fino ad arrivare alla strage di Piazza Fontana.

Quartiere Sant’Ambrogio © Archivio Ernesto Fantozzi

IL BOOM EDILIZIO E LA NASCITA DELLA LINEA 1 DELLA METROPOLITANA MILANESE

Milano, in quegli anni, è una città che sa accogliere in maniera straordinaria. è una macchina che non solo sa accogliere chiunque, ma accoglie un numero di persone spropositato rispetto alla sua popolazione. A Milano arrivano tutti e tutti trovano un posto; tutti vengono coinvolti dalla milanesità.

Armando Torno

Torre Velasca, anni ’60 di Paolo Monti
Credit

Nascono i grandi quartieri periferici di Comasina e Gratosoglio, mentre in centro si fa spazio ai primi grattacieli della città: Palazzo Pirelli, realizzato da Gio Ponti e la Torre Velasca dei BBPR. Il Comune di Milano affida la realizzazione architettonica e l’allestimento della Linea 1 agli architetti Franco Albini e Franca Helg a cui si aggiungerà Bob Noorda che ne realizzerà il logo e la segnaletica. 

Ombre sulla città © Archivio Carlo Orsi

IL DESIGN MILANESE

Dal ’60, dall’inizio, è cominciata un tipo di relazione in cui le due parti della relazione hanno dato tutto quello che potevano attraverso una collaborazione, fatto assolutamente unico al mondo, una collaborazione veramente di lavoro. Una collaborazione che voleva dire fare insieme il lavoro.

Vico Magistretti

Un’altra particolarità di quegli anni fu la nascita di una collaborazione unica e destinata a durare nel tempo tra designer e aziende del Made in Italy. I fratelli Castiglioni, Vico Magistretti, Ettore Sottass, la coppia Zanuso e Sapper crearono prodotti innovativi ed iconici che rappresentarono la fortuna di aziende come Flos, Danese, Kartell, Artemide e Cassina.

MILANO TRA ARTE E CABARET 

La bellezza di Milano degli anni Sessanta è questa, si incontrava della gente straordinaria: ho parlato con Marcel Duchamp, con Man Ray… con una serie di artisti che passavano per Milano, con i quali si andava anche a cena.

Guido Rossi

Cochi Ponzoni e Enzo Jannacci al Cab64, in via De Amicis, Milano, 1964 c.

Già dai primi anni ’50 fiorisce un grande fermento nel mondo delle arti visive e si assiste al sorgere di molte gallerie d’arte contemporanea, grazie anche ad artisti del calibro di Lucio Fontana, Piero Manzoni ed Enrico Castellani. Intellettuali e liberi pensatori tornano ad incontrarsi per discutere di avanguardia e di cambiamento, dove? Nel 1962 inaugura l’Intra’s Derby club, il tempio del cabaret milanese, una palestra intellettuale per giovani artisti quali Giorgio Gaber, Enzo Jannacci e Ornella Vanoni. 

Lucio Fontana nel suo studio © Archivio Carlo Orsi

LA STRAGE DI PIAZZA FONTANA

La strage di Piazza Fontana è il nostro 11 settembre. Il giorno della perdita collettiva dell’innocenza.

Paolo Biondani

Dall’aprile del 1969 ha inizio quella che verrà definita la “strategia della tensione”, culminata il 12 dicembre dello stesso anno con la strage di Piazza Fontana: alle 16.37 esplode una bomba nel salone centrale della Banca Nazionale dell’Agricoltura causando 17 morti e 90 feriti.

Funerali di Piazza Fontana © Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo

Attraverso queste immagini è possibile percepire realmente lo spirito di un decennio che ha stravolto Milano e i suoi abitanti ma che le ha permesso di intraprendere un percorso di crescita che ancora oggi continua ed è palpabile in ogni angolo della città. Per chi vive a Milano, è un dovere conoscere o rivivere un periodo che ha cambiato profondamente l’Italia intera. 

In copertina: Ghisa in attesa del metrò © Archivio Carlo Orsi

MILANO ANNI 60. Storia di un decennio irripetibile

6 novembre 2019 – 9 febbraio 2020

Palazzo Morando | Costume Moda Immagine, spazi espositivi piano terra, via Sant’Andrea 6, Milano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.